Viaggio

warning: Creating default object from empty value in /home/ogiorp/ogiorp.ch/modules/taxonomy/taxonomy.pages.inc on line 33.

mino's picture

The Desert

Il giovedì 22 settembre è l'ultimo giorno di John a Camp 4, o per lo meno, l'ultimo di questo 2011. Dopo la disavventura dell'Half Dome e già da qualche giorno, l'idea dei Big Wall non gli è più cosi dolce come gli era prima di partire e così decidiamo di spostarci vero Las Vegas prima di quanto comunque già previsto. La meta è il Gran Canyon Red Rocks passando per la Death Valley, dove ci attende tempo caldo e roccia ottima, dalle falesie a vie più lunghe, in genere fino a ca. 10 tiri di corda.

carne al fuoco
bérna's picture

Climbing!? Tomorrow...

Dopo una stupenda notte al frescolino di Tuolomne (attorno ai 37°F di minima) ci svegliamo pimpanti per il primo giorno di roccia... o quasi. Cominciamo con riarrangiare il campo base, modularizzando (la nuova attività preferita di John) la cucina e il cibo, organizzando il materiale e fissando i picchetti della tana (la nostra super tenda marmot). Ed é proprio nella strenuosa atività di picchettaggio che il precario stato di salute di Ray si mette in mostra. Ogni passo una caduta di pressione. La prima giornata di arrampicata si allontana lentamente.

Ray sleeping
mino's picture

If you're going to San Francisco...

Dopo una bella dormita ci alziamo questa mattina con una grande sorpresa: Rhami, il nostro compagno di stanza, ci ha preparato la colazione. Il Menu è a base di succo d'arancia fresco (che piacere dopo le varie pseudo-bevande americane!) e frittata piccante con pomodori e cipolle; per finire, pistacchi e datteri :-).

San Francisco skyline
zughi's picture

California landing

Partenza giovedì mattina da Zurigo: dopo aver ripartito il peso nei vari sacchi (nonostante tutto sono sotto il limite consentito), voliamo tranquillamente su un “non-nuovissimo” boeing 767 fino a Washington Dulles.
Giunti su suolo americano dobbiamo sottoporci al rito del “becchiamo il terrorista” che ci tiene occupati più di un'ora incolonnati davanti al controllo passaporti. Un po' stressati prendiamo il prossimo aereo che ci porterà fino a LA.

Washington airport