Cooling off in the valley


zughi's picture

By zughi - Posted on 20 September 2011

Oggi è una giornata di pausa, quindi ce la prendiamo con calma!!
Sveglia, colazione, lavarsi i denti... il rito è sempre quello nella calma del camp4 (stamattina i nostri vicini Messicani ci lasciano dormire tranquillamente!!). Visto che non arrampicheremo possiamo dedicarci ad altre attività: riordinare i bear-boxes (Peter&co ci hanno lasciato molto materiale che deve essere smistato), fare il bucato, organizzare il resto del viaggio, ecc.
In mattinata ci spostiamo verso il curry village per utilizzare la connessione internet del lodge. Tutti abbiamo qualche email da scrivere, qualche telefonata con skype da fare e John deve gestire il suo semestre universitario.

Visto che i giorni che separano John dal rientro in patria cominciano a essere contati dobbiamo decidere cosa fare fino a fine mese. Dopo aver discusso le varie possibilità decidiamo di restare ancora 2 notti in Yosemite per poi spostarci verso la Death Valley. Passata una notte in quella zona andremo verso Red rocks (appena fuori Las Vegas) dove arrampicheremo per 4-5 giorni mentre le ultime 2 notti le passeremo nella Sin City.

Ci allontaniamo dal Curry Village per fare il bucato e, mentre attendiamo che i nostri vestiti asciughino nel tumbler, incontriamo gli amici neozelandesi che ci informano che questa settimana la YCA (associazione arrampicatori dello Yosemite) organizza una serie di conferenze per finanziare un facelift della valle (pulizia campeggi, sentieri, ecc).

Verso le 18:30 ci spostiamo quindi allo Yosemite village per vedere un filmato sul gruppo di salvataggio locale (YOSAR) e una conferenza della fortissima arrampicatrice Lisa Rands. Il filmato sarà "un'americanata" in pieno stile ma sicuramente avvicente (tipo film di hollywood) mentre la conferenza alla fine è risultata un poco noiosa (nonostante la Rands sembri davvero simpatica). Cenetta con i resti del Peter&co (noodles&tortillas) e andiamo a dormire.

Ci svegliamo mercoledì per quello che sarà l'ultimo giorno pieno nella Valley; oggi in programma è arrampicata in falesia, quindi solo tiri singoli tornando sempre a terra in modo da poter arrampicare di più.
Dopo i soliti convenevoli mattutini decidiamo però di lanciarci per qualche "giro" su midnight lightning, il mitico boulder in mezzo al camp 4. Ci sono alcuni giapponesi che lo tentano da giorni e possiamo quindi utilizzare i loro crashpads. Nonostante qualche avversità iniziale cominciamo a capire i primi movimenti. Purtroppo i nostri amici devono scappare con i loro crashpads e dobbiamo interrompere la sessione, ma non siamo lontani dal toccare la mitica presa a forma di fulmine (però il duro del blocco sta nel tenerla, muoversi ancora un poco e ribaltarsi sopra al masso).

Riparati i materassini di Bob e Rey, andiamo verso "Pat and Jack Pinnacle", una falesietta con varie vie, chiodate e trad. Nonostante il tempo si annuvola tra tetti, fessure, "faceclimb" e duri passaggi d'equilibrio su "knobs" tiriamo fino a notte inoltrata.

Rientriamo al camp 4 per l'ultima cenetta (fusilli al tonno): domani andremo nella death valley!!

Recent comments