Falesia

warning: Creating default object from empty value in /home/ogiorp/ogiorp.ch/modules/taxonomy/taxonomy.pages.inc on line 33.

mino's picture

Two, again

Dopo una comoda notte al Motel di Moab ci svegliamo presto, prestissimo per portare Simon all'aeroporto dell'omonima cittadina. La strada è sgombra e come qui nel deserto sempre, l'alba ci sorprende fulminea mentre arriviamo al traguardo. Sono le 07:00. Il volo di Simon è previsto per le 08:00, ma al check-in del micro-aeroporto non c'è ancora nessuno... alle 07:15 spunta una specie di hostess che si pone dietro ad un bancone: il check-in per il volo di Denver è ufficialmente aperto ;-). Tutto funziona senza problemi e le 5 libbre di troppo dell'haul bag vengono perdonate con un sorriso.

Gelida notte...
bérna's picture

Big Baby and The Ship is sinking

Oggi si lotta, andiamo a uno dei settori più conosciuti di indian creek, the battle of the bulge. Simon ha un paio di progetti e noi sicuramente ne troveremo.
Si comincia sull unico 5.10 per scaldarci, poi é subito project per mino che flasha il suo primo 5.11 nel creek. Io oggi son kaputt, e arrampico top rope l'inizio della via é duro, sti ring lock non so proprio ancora come farli... poi Simon attacca Disco machine gun (5.12) Mino lo prova top rope e decide che é il suo project del giorno. Io lo faccio in top rope giusto per vedere il livello... meeeeegggaaaa.

5.11
mino's picture

Indian Creek, let's cracking!

Al secondo giorno qui a Indian Creek, dopo tradizionale sveglia e colazione, ci dirigiamo nell'area 4x4 ad arrampicare. Qui le linee sono come al solito tagliate al laser e le quotazioni, come sempre ancora, severe. Ci "riscaldiamo" su un 5.10b/c di dita, concatenato in top-rope con un offwidth di 5.11a. L'esame d'entrata è già severo e anche se a tutti riesce on-sight, rispettivamente flash la prima linea, la seconda mi fa cadere una volta nel duro liebacking, risultando poi al Berna quasi impraticabile... Ora siamo caldi!

bérna's picture

Separate reality, Goodbye Yosemite and the little a'le'inn

Eh beh, cosa si fa l'ultimo giorno allo yosemite? una grande classica, come serenity crack e sons of yesterday o nutcracker o la east buttress di el Cap. Già, se non fosse domenica e tutte le classiche sono strapiene e non ci va di fare la fila. Ma che fare allora? beh trovare CJ (crazy John) e vedere che combina lui e indovinate un po ci dice di andare con lui a separate reality. E si proprio la mitica via che si vede su molte foto e video. Dapprima siamo reticenti ma poi ci diciamo

Calata verso una realtà separata
mino's picture

The Climbers Community

Dopo tanta acqua vediamo finalmente la luce del sole al nascere del giorno odierno. Che sensazione! Negli ultimi due giorni d'acqua abbiamo potuto fare ben poco, se non continuare a raffreddarci risentendo quell'odiosa sensazione di sindrome influenzale... In ogni caso, oggi riincominciamo con il piede giusto. Dopo la colazione possiamo finalmente sortire tutto il materiale tecnico e deporlo al sole per farlo asciugare. Contemporaneamente recuperiamo tutti i nostri vestiti ancora bagnati e facciamo "bügada" all'Housekeeping, così come riforniamo di benzina al Rüzzon.

outer limits, 5.11a
zughi's picture

Ultime arrampicate... per John

Per me le vacanze volgono al termine e mi tocca scrivere ancora un paio di righe su quello che è successo negli ultimi 2 giorni.

Per lunedì il piano era di attaccare una lunga via trad nel Black Canyon: Epinephrine. Il risveglio è dunque mooolto presto (4:50) per poter avvicinare la via senza il caldo del sole alto nel cielo (la via resterà poi in ombra per cui non c'è problema).

Arrivati alla parete ci prepariamo e si parte: davanti a noi si stagliano degli enormi camini.

img_1641.jpg
bérna's picture

LVMF e 5.12

Quest oggi ci vogliamo svegliar presto per andare a far falesia, e si un po di chiodi fanno bene alla salute mentale ;)

Red Rocks - The Pier
mino's picture

Cardinale

La mattina del 10.09. ci alziamo senza sorprese. L'aria che ci circonda ha un certo sapore di nostalgia: Tuolumne ci ha ospitato per qualche giorno deliziandoci con tutto il suo essere, ma ora è il tempo di partire. Riorganizziamo dunque il materiale, smontiamo la tana e ci mettiamo in marcia di buon'ora. Proprio all'uscita del Camping incontriamo il gruppo degli inglesi; sono gli amici di Bob che avevamo già incontrato al primo giorno e ora stanno scappando dalla Valley per cercare il bel tempo a Bishop.

Bishop Buttermilk
bérna's picture

Climbing!? Tomorrow...

Dopo una stupenda notte al frescolino di Tuolomne (attorno ai 37°F di minima) ci svegliamo pimpanti per il primo giorno di roccia... o quasi. Cominciamo con riarrangiare il campo base, modularizzando (la nuova attività preferita di John) la cucina e il cibo, organizzando il materiale e fissando i picchetti della tana (la nostra super tenda marmot). Ed é proprio nella strenuosa atività di picchettaggio che il precario stato di salute di Ray si mette in mostra. Ogni passo una caduta di pressione. La prima giornata di arrampicata si allontana lentamente.

Ray sleeping
bérna's picture

Giornatone a Claro

Oggi giornatona di falesia in quel di claro. Züghi, Mino, Bérna, Sandy Altermatt e Eric e Yasmin (dai Grigioni) siam andati alle falesie di Claro per tirare un po di belle vie...
Il posto è stupendo, anche se -e qui Züghi è stato divinamente bacchettato per aver peccato di umiltà - alcune vie erano ancora bagnati.
I gradi cominciano dal 6a e vanno fino ai N.L... quindi c'é da divertirsi!